Paola Guarducci


La carriera di Paola, come per la collega Elena, è un percorso fatto di canto e teatro.

Un binomio che per molti anni va di pari passo e permette alla cantante di coccolarsi le band ed al tempo stesso di distinguersi nei musical, coprendo spesso ruoli da protagonista.

L’esperienza come cantante ha inizio in veste di corista e seconda voce della rock band “Caffè Sindona” con cui partecipa alla finale di “Rock Targato Italia”, Sanremo giovani” e “Help” di Red Ronnie. Sei anni più tardi si apre la collaborazione più longeva all’interno di una band, diventa infatti la voce principale della cover band “Ottocoperti” ( 2000- in attività) con cui si toglie qualche soddifazione: apertura concerto Alan Sorrenti – partecipazione a “Città Aromatica” Siena e conferenza stampa con PFM Mauro Pagani e Piero Pelù .

Oltre che in band Paola si muove anche in solitaria sua infatti l’interpretazione di un brano di Leo Ferrè al concerto dei Têtes de Bois e Francesco di Giacomo del Banco del Mutuo Soccorso.

Nel corso degli anni riceve lezioni di canto dai maestri Leonardo Abbate e Matteo Becucci a cui è molto riconoscente, partecipa inoltre ad importanti Masterclass interpretazione di canto con Gio di Tonno e Max De Angelis.

La parte musical vede Paola protagonista come musa cantante di Brecht nello spettacolo “Vita di Galileo” e cantante in “Sotto la Luna di Leo” entrambi con la regia di Hervé Ducroux, oltre ai musical: “La buona novella”, “Mamma mia!” (nel ruolo di Donna Sheridan), “Legally blonde “ e “Pinocchio – Un Figlio Perfetto”

Vasco Rossi è sempre stato fra i suoi artisti italiani preferiti, e la canzone che ama di più in assoluto è “Sally”, entra a far parte della Generazione di Sconvolti alla sua fondazione.

“Ci tengo a ringraziare tutti i vecchi ed i nuovi amici che hanno condiviso e che condivideranno i palchi con me…”